Divulgazione a cura de
La Pancera in Movimento A.C.L.A.B.
(Anonima Cazzeggio, Lazzi, Affini & Basta)

 

Dedicato 'o cazzo
(Salvatore di Giacomo)

 

pecch t’adduorme sempre ‘n coppe ‘e cosce

e nun te scite manco quanno pisce?

Tu prima eri nu cazzo tuosto e liscio…

mo’ ti si’ fatto arripichiato e moscio.

 

Tu prima t’arrizzavi, ire fucuso

quanno sentivi addore de pucchiacca

mo’ duorme ‘ncoppe ‘e palle appucundrite

e nun te scite manco nnanze e pacche.

 

Povero cazzo mio, t’aggio perduto

e chisto core mio ne soffre tanto!

Povero cazzo mio te ne sei iuto

come nu morticello ‘o campusanto

 

chisto discorso faccio tutte ‘e sere

parlanno sulo come ‘o pazzo

e francamente ne dicette aieri

sputale ‘nfaccia a st schifezza ‘e cazzo

 

come ogni cosa nasce e poi fernisce

come ogni cazzo ‘ndosta e po’ s’ammoscia

accussi sto cazzo mio guarda abbascio

come nu muorto, appise miezze e cosce

 

stato battagliero, ha fatto ‘o pazzo

e mo’ che brutta fine, amico cazzo…

 

chisto ‘o destino,

‘e palle l’ha pigliate pe’ cuscino

appoggia ‘a capocchia e duorme a suonno chino…